Tornare a sentire quel profumo, quel sapore, che ci riporta indietro nel tempo e che ci fa sentire a casa ovunque noi siamo.

mercoledì 15 marzo 2017

Terrina in crosta di pollo, maiale e uvetta macerata nel vincotto.



La sfida di questo mese è stata veramente Hot, l'Mtchallenge numero 64 grazie a  Giuliana si è ambientato in un'atmosfera  retrò dedicata ad una delle preparazioni, a mio parere, più sceniche che mai, le terrine.






Con questa ricetta partecipo alla sfida n.64 







Un mondo delicato fatto di tanti ingredienti ben assortiti tra loro, tante diverse  preparazioni che solo l'infografica di Dani poteva riassumerle con un'efficacia  veramente sorprendente.

Quindi tante le possibilità, nessuna semplice, ma tutte ugualmente spettacolari, questo è il piatto trionfale quando arriva a tavola, è impegnativo, è bello, scenografico ma soprattutto buono.



Io ho optato per una terrina in crosta,  perché adoro quella pasta sostenuta che al tempo stesso si scioglie in bocca, deve essere croccante e talmente audace da non lasciarsi intimidire da eventuali succhi di cottura, e sinceramente questa ricetta tratta da un vecchio libro è fantastica.
Per l'interno ho scelto  il pollo che mette tutti d'accordo, mixato con un po' di maiale, una farcia agrodolce all'uvetta e vincotto e del lardo pancettato a proteggere la carne bianca che tende sempre un po' ad asciugarsi.


In abbinamento due preparazioni audaci, la marinata addizionata da succo d'arancia e una marmellata di bergamotto; la prima agrodolce che in pratica richiama la farcia, la seconda amara e di contrasto proprio come piace a me.



Hot water crust pastry
Ingredienti

  • 500 g farina
  • 1 cucchiaino sale
  • 1 tuorlo
  • 100 g di burro
  • 100 g di strutto
  • 175 ml di acqua

Setacciare la farine e il sale,fare u buco al centro mettervi il tuorlo e coprire con un po di farina.
Scaldare il burro lo strutto e l'acqua in una casseruola e portare ad ebollizione, fare in modo che i grassi si sciolgano prima di bollire. quando il composto è bollente versarlo sulla farina e uovo e mescolare energicamente.
Quando il composto si è un po' raffreddato lavorarlo sulla tavola appena infarinata, coprire con pellicola e lasciar riposare per 30 minuti al fresco.


Ingredienti per la terrina


  • 500 g petto di pollo
  • 200 g di capocollo di maiale
  • 50 g di uvetta
  • 100 ml di vincotto ( anche marsala)
  • il succo e la buccia di un arancia
  • 150 g di lardo pancettato

 Tagliamo a cubetti il capocollo e 80 g di petto di pollo, sarà la carne che va a marinare e utilizzata per la farcia.


Prepariamo la marinatura
riscaldiamo leggermente il marsala e la buccia di arancia, uniamo l'uvetta  e poi versiamo la marinata raffreddata sopra la carne preparata e lasciamo al fresco per 24 ore.

Trascorso il tempo necessario, scoliamo la carne dalla marinatura recuperando i liquidi ci serviranno per la salsa di accompagnamento.

Battiamo le fette di petto di pollo in modo da poterle farcire ed arrotolare, ed ogni rotolo ottenuto bardiamolo con il lardo pancettato.






Stendere la crosta ad uno spessore di 5 mm e rivestire lo stampo, adagiarvi i rotolini preparati e chiudere con la restante pasta, decorate utilizzando i ritagli, io ho usato dei piccoli stampini, pennellate con un uovo intero leggermente sbattuto.


Praticate un foro che farà da comignolo e attraverso il quale potete inserire la sonda per verificare la temperatura interna, per far si che il foro non si chiuda in cottura, rivestite lo stampo utilizzato per farlo di alluminio e lasciatelo in posizione procedendo alla cottura.

L'immagine può contenere: dessert, cibo e spazio al chiuso

Per la salsa all'uvetta e vincotto

alla marinatura rimasta unire succo arancia il resto dell'uvetta e lasciamo ridurre a fuoco dolce.


Cottura
Forno preriscaldato a 200° per circa 30 minuti.
Valutando con una sonda la temperatura interna che deve raggiungere i 75° .


Per la marmellata di bergamotto

Per 1 chilo di bergamotti
lavate i frutti con cura, se necessario usate una spazzolina per eliminare tutte le impurità presenti sulla buccia.
Trasferiteli in una pentola con acqua fredda e accendiamo il fuoco, calcoliamo 20 minuti dal momento che iniziano a bollire, poi scoliamoli eliminando l'acqua di cottura e ripetiamo l'operazione precedente per un totale di 3 volte.
Non gettate l'acqua dell'ultima bollitura.
A questo punto avremo dei frutti morbidi e pieni d'acqua, sembrano delle spugnette, passiamo i frutti al passa verdure, una volta con il disco con i fori grandi e una seconda volta usiamo quello con i fori fini.
In questo modo elimineremo i filamenti e i semini ottenendo una purea profumata.
Ora pesiamo quello che abbiamo ottenuto, aggiungiamo lo stesso peso in zucchero e l'acqua di cottura che abbiamo conservato, circa un litro.
Passiamo alla cottura che deve essere a fuoco basso e controllata mescolando con un cucchiaio di legno sino a raggiungere la consistenza desiderata.
Invasettiamo bollente in vasetti sterilizzati.

26 commenti:

  1. Alla faccia del piatto trionfale! Se fossi stata tua ospite e avessi visto arrivar in tavola tale spettacolo stai certa che non avrei mai ricambiato l'invito. Meraviglia, ma la parte che amo di più è la doratura perfetta della crosta, si sente da qui la consistenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ma cavolo se la pensassero tutti così a me chi mi invita piu?
      Grazie per il tuo apprezzamento mi ha fatto veramente piacere!!

      Elimina
  2. grande tecnica e armonia di gusti! stupenda e coreografica. complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cristina per è un grande piacere avere questo tuo giudizio!!!

      Elimina
  3. Stupendo tutto...Gli abbinamenti...Il lardo pancettato che protegge il pollo e crea quel meraviglioso aspetto al taglio....L'uvetta e le salse...Mi piace tutto...In crosta non l'ho mai fatta ma dopo aver visto la tua mi è venuta voglia!!!! Complimenti!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lucia questa crosta ha stupito anche me è veramente fantastica.
      Grazie

      Elimina
  4. La trovo meravigliosa, come fosse un quadro. E in più i sapori le danno quel no plus ultra, che solo tu potevi dargli :) Bravissima :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paola addiruttura un quadro, non posso fare altro che ringraziarti di cuore.

      Elimina
  5. Ma proprio bella l'idea degli "involtini"! Scenografica al massimo. E poi il bergamotto, sapore di casa mia ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il bergamotto lo adoro e questo i è sembrato il giusto connubio.
      Grazie mille

      Elimina
  6. hai proprio detto bene "è il piatto trionfale quando arriva a tavola, è impegnativo, è bello, scenografico ma soprattutto buono"
    La tua terrina è davvero trionfale e solo a leggere gli ingredienti se ne capisce la bontà. Molto interessante quella pasta,è veramente una gran ricetta, e quella marmellata di bergamotto credo le regali ancora più profumi. Complimenti davvero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giuliana grazie mille per questa splendida sfida....era da un po' che volevo provare questa nuova crosta ma essendo la terrina una preparazione impegnativa non riuscivo mai a trovare il tempo, questa è stata l'occasione giusta e non posso che ringraziarti.

      Elimina
  7. Bellissimi gli involtini!!! Bella la composizione e gli ingredienti!Complimenti

    RispondiElimina
  8. come la Giuli: appena ho letto le prime righe del tuo post, ho pensato: e qui c'e' il trionfo del trionfo. Ingredienti, ma anche scenografia, una vera sorpresa, non solo per il palato ma anche per gli occhi. E anche per gli affamati di conoscenza come la sottoscritta, che di fronte a quella pasta sta prendendo appunti come una forsennata (la provo- la provo-la provo) e che sbava miseramente sui bergamotti che non ha. Grandissima prova, Donatella, brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alessandra la crosta la devi assolutamente provare, è fantastica!
      per i bergamotti non posso fare molto se non assicurarti che la marmellata è divina!!! Come sono crudele!!
      Grazie per le tue parole

      Elimina
  9. Ganzissima la tua terrina, e anche bella

    RispondiElimina
  10. Bellissima e gustosissima, adoro il disegno interno che si è creato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lisa, qualcosa mi dovevo inventare!!!

      Elimina
  11. Ecco svelato il trucco di come hai fatto questo disegno quasi di mosaico, nel taglio!
    complimenti per abbinamenti e tutto quanto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace l'idea del mosaico , mica ci avevo pensato!!!
      Grazie Gaia.

      Elimina
  12. Quel motivo di rolatine è semplicemente spettacolare.. dà un movimento tale alla terrina che pare che voglia prendere a camminare, mi auguro fino alla mia bocca!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giulia sei troppo forte....ha camminato ha camminato ed anche velocemente!!!
      Grazie cara.

      Elimina
  13. Bellissima, mi piace tutto l'accostamento dei sapori e le salse a completamento...poi la marmellata al bergamotto è una delle mie preferite, fatta anch'io questanno...Ottima Terrina.
    Un saluto a presto Erica

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...