Tornare a sentire quel profumo, quel sapore, che ci riporta indietro nel tempo e che ci fa sentire a casa ovunque noi siamo.

martedì 24 febbraio 2015

Panna cotta al pistacchio e caramello


A me la panna cotta piace tanto, trovo che sia un dolce buonissimo, facile da fare, per nulla scontato, forse sotto valutato.
Ma considero fondamentale la scelta degli ingredienti, un latte fresco intero, una vera panna fresca, la giusta dose di zuccheri e gelatina, la bacca di vaniglia... una volta che parti bene poi ti puoi anche permettere di personalizzarla senza però sconvolgerla.


panna cotta pistacchio caramello-ingrediente perduto

E dopo la panna cotta al caramello all'arancia di Montersino, e quella al miele, mi sono lanciata nella panna cotta al pistacchio.
Devo dire che ho avuto qualche difficoltà a reperire la pasta di pistacchio come la volevo io, e cioè fatta con soli pistacchi tostati macinati, niente zuccheri aggiunti, niente coloranti.

Poi finalmente l'ho trovata e quindi ecco la ricetta.

Dosi per 6-8 persone

  • 500 ml di panna fresca
  • 100 ml di latte intero fresco
  • 80 g di zucchero semolato
  • 6 g di gelatina in fogli
  • 2 cucchiai di pasta di pistacchi (per me Pasta pura di Bacco tipicità al pistacchio)


Per il caramello ai pistacchi
  • 8 cucchiai di zucchero
  • pistacchi


Per fare la panna cotta io seguo sempre le indicazioni di Luca Montersino.

Scaldare il latte con 200 ml di panna, quando sono ben caldi unire lo zucchero e mescolare sino al suo completo scioglimento.
Unisco la gelatina precedentemente ammollata e strizzata e mescolo affinché anche questa si sciolga del tutto.
Ora aggiungo la pasta di pistacchio e la panna fredda; mescolo bene.
A questo punto se volete potete filtrare prima di colare la panna cotta nei bicchierini; trasferite poi  il tutto in frigo.
Io in genere la faccio il giorno prima.


Per il caramello a secco

faccio scaldare bene una pentola con fondo doppio e poi verso un cucchiaio abbondante di zucchero, aspetto che si sciolga ben bene e mescolo con un cucchiaio di legno, e continuo unendo altro zucchero, aspetto sempre che si sciolga e mescolo....continuo così sino a terminare lo zucchero, quando il caramello ha assunto un bel colore dorato, lo tolgo dal fuoco e lo verso su carta da forno e immediatamente ci verso sopra i pistacchi; nel giro di qualche minuto il caramello solidifica e lo taglio a pezzi usandolo come decorazione.

martedì 10 febbraio 2015

La cucina, passione e un sogno che si realizza...vi presento Fabrica del gusto,l scuola di cucina.





Ultimamente non riesco molto a seguire il blog, giorni frenetici, impegnativi, moltooooo impegnativi ma quando un tuo sogno si materializza, quando scopri che sta diventando realtà, l'adrenalina è a mille e vorresti giornate della durata di 72 ore.
Ecco il motivo della mia assenza "giustificata" , vi presento Fabrica del Gusto la  Scuola di cucina che sono sicura tutti gli appassionati di cibo vorrebbero.
Tutto inizia circa 9 mesi fa circa...conosco attraverso il web la food- blogger marchigiana Silvia ovvero La Greg decidiamo di vederci per prendere un caffè e chiacchierare un po' naturalmente di ricette, cibo, prodotti.
Una piacevole chiacchierata e ci lasciamo con la promessa magari di rivederci dopo qualche tempo; Silvia abitava a Faenza ma aveva deciso di ritornare nelle amate Marche e quindi quando avrebbe fatto una nuova incursione marchigiana ci saremmo riviste per un altro caffè.

Passa qualche mese e di nuovo sedute al bar a goderci il nostro caffè, ancora chiacchiere "ma tu che pensi di fare ora che sei tornata a Fabriano?"
Insomma senza dilungarmi oltre, partiamo e iniziamo a chiedere info presso la Asur locale, poi adocchiamo qualche cartello Affittasi e nel giro di poco anzi di pochissimo troviamo il locale, l'ingegnere, l'elettricista, l'idraulico....e parte il nostro sogno.

A distanza di 9 mesi mi ritrovo socia, imprenditrice e felice!!!!
Se me lo raccontassero direi che sta storia è strana ed anche un po' folle, ma solo trovando una persona altrettanto "folle" e appassionata come me tutto questo è stato possibile quindi grazie Silvia, vorrei dirti molto di più ma ormai avrai capito che sono una persona di poche parole.
Un particolare grazie va alla mia famiglia, i miei bimbi , mio marito senza di  loro nulla è possibile.

Abbiamo iniziato i corsi alla fine di dicembre, il nostro calendario è ben "condito"; già numerosi i corsi di un certo impatto che ripeteremo per soddisfare tutte le richieste ricevute...ecco alcuni esempi:





una bellissima serata in compagnia di una meravigliosa persona chef Megumi;  mai assaggiato un sushi così.





E ancora con lo chef Riccardo Benvenuti abbiamo esplorato
il mondo del riso e risotti












e appreso le tecniche di base per la preparazione del pesce,  ma stiamo organizzando altri incontri...












E non poteva poi mancare la pizza, con il nostro pizzaiolo di fiducia Francesco Genchi





E ancora tanto tanto altro.

Insomma non vi resta che venirci a trovare!!!

martedì 3 febbraio 2015

Blinis di topinambur con formaggio erborinato

I blinis sono una preparazione tipica della cucina russa, in realtà si tratta di focaccine fatte di farina e lievito accompagnate da panna acida, servite con salmone o caviale.




In questo caso diciamo che sono una versione tutta speciale, non c'è lievito ma l'albume montato  a dare leggerezza all'impasto, ci sono le patate e poi il mio tubero preferito il Topinambur.










"Entro i manipoli qua e là sparsi

di topinambùr  lungo gli arginiogni lustro del giallo si fa intimoall’autunnale catarsi” (A. Zanzotto)








Già vi avevo parlato  qui di questo prodotto ricco di sapore e proprietà;  dopo aver fatto la Vellutata e il ripieno delle Crespelle, ormai sono diventata "coltivatrice" di topinambur, sempre alla ricerca di nuove ricette sfiziose e questa devo dire che ha immediatamente attirato la mia attenzione.



Ricetta tratta dal volume "Il vegetariano moderno" con alcune mie modifiche personali.

Dosi per 4 persone

Per i blinis
  • 400 g di topinambur già pelati e puliti
  • 350 g di patate pelate e pulite
  • 100 g di farina
  • 80 ml di panna fresca
  • 1 cucchiaio di senape delicata ( per me Dilora Delicata Louit Frères)
  • 4 uova, tuorli e albumi separati
  • sale e pepe
  • 50 g di burro
  • 300 g di formaggio erborinato
  • insalatina di stagione
  • 1 pera
  • noci
Per il condimento
  • 100 ml di olio d'oliva
  • 35 ml di aceto di mele
  • 1 cucchiaio di miele preferibilmente melata di quercia

Preparazione:

per i blinis
lessare separatamente le patate e i topinambur in acqua leggermente salata, le verdure si devono cuocere bene per poterle poi passare nello schiacciapatate, lasciate raffreddare.
Aggiungere poi al composto di patate e topinambur la farina, la panna, senape e i tuorli sbattuti; montate a neve gli albumi e delicatamente aggiungeteli al composto.
Aggiustare di sale e pepe.
In una padella anti aderente sciogliete il burro e servendovi di un mestolino cuocete i blinis un po' alla volta, bastano 2 minuti per parte e sono pronti; e teneteli da parte.
Prepariamo il condimento  semplicemente emulsionando olio, aceto e miele.
Molto pratici perché li potete fare in largo anticipo e al momento di servirli vi basterà mettere sopra il formaggio e passarli sotto il grilli caldo per pochi secondi, giusto il tempo necessario per far sciogliere il formaggio.
Ci disponiamo sopra l'insalatina, la pera tagliata a fettine, le noci e condiamo il tutto con l'emulsione, sale e pepe macinato fresco.

lunedì 22 dicembre 2014

Fougasse all'olio Dop di Cartoceto





Che sensazione sgranocchiare un  pane e subito pensare all'olio, ad una giornata tra le macine di un frantoio, per i vicoli di un paese in festa, nelle sue grotte nascoste e poi seduti ad una bella tavolata con persone che da perfetti sconosciuti si trasformano in piacevoli compagni; questa è stata la giornata che io e la mia socia Silvia abbiamo trascorso a Cartoceto in occasione del Festival Cartoceto dop


Uno splendido comune marchigiano nella zona del pesarese, colline verdi popolate da ulivi tutti schierati in perfette file come fieri soldati, un habitat ad hoc per l'olio d'oliva, il primo olio marchigiano ad ottenere la Denominazione di origine Protetta.




La nostra visita inizia nel Frantoio del Trionfo dove due giovani recuperano un' attività di famiglia, continuando la loro storia nonostante il periodo non sia dei migliori, soprattutto poi per la produzione di olio di quest'anno.


E poi su e giù per le vie e scalette di questo agglomerato di case, molte ristrutturate molte in cantiere,




 e le olive condite nel vaso non potevano mancare,




A pranzo non un ristorante, non un'osteria ma siamo state accolte in una casa, quella della famiglia Salucci Ferlosio che ci ha  fatto visitare le grotte e deliziosamente ospitato alla sua tavola con una sorridente  Anna che in caso di ospitalità se ne intende proprio, guardate che grazioso il suo  B&b Tre civette sul comò



E dietro un insospettabile e comune edificio c'era questo il Teatro del Trionfo che per l'occasione grazie al Sindaco e agli organizzatori dell'evento riapre i battenti un gioiello da recuperare un atmosfera magica legno, arte, dipinti ....musica



Una giornata finita troppo in fretta come tutte le cose belle.



Un particolare ringraziamento al Comune di Cartoceto e agli organizzatori dell'evento tra i quali Emanuela Sabbatini.

E a questo oro liquido, Cartoceto dop, dedico un impasto lievitato una fougasse all'olio ricetta di R. Bertinet
Ingredienti
  • 500 g. di farina per pane
  • 20 g. di semola di grano duro
  • 14 g  di lievito di birra fresco
  • 12 g di sale
  • 320 g. di acqua ( ma molto dipenderà dal tipo di farina che userete)
  • 45 g. di olio extravergine d'oliva Cartoceto Dop
  • semola per spolvero
Procedimento:
Nella planetaria mettiamo le farine con il lievito e sbricioliamolo ben bene, facciamo partire l'impasto con il gancio poi aggiungere acqua e olio insieme e subito dopo il sale;
in pochi minuti otterremo un impasto che sarà leggermente appiccicoso, avvolgetelo a palla e fatelo riposare 1 ora a temperatura ambiente.


Trascorso il riposo spolverate abbondantemente la tavola con della semola, rovesciate delicatamente l'impasto e spezzatelo in due parti, facendo attenzione a non perdere le bolle di gas che si saranno formate.
E poi fate dei tagli imitando la venature di una foglia...
per comodità vi metto un video in cui il maestro Bertinet vi fa vedere chiaramente la formatura a partire del 7° minuto, ma vi consiglio di vedere tutto, c'è sempre da imparare dai grandi.


Cottura:

forno preriscaldato a 190-200° per circa 20 minuti o comunque sino a doratura.


















domenica 14 dicembre 2014

Barrette con miele, frutta secca e canditi ricoperte di cioccolato per Quanti modi di fare e rifare

Una torta speciale per la tavola delle feste, adatta anche a chi è intollerante a latte e derivati, e all' uovo; ricca di profumi e sapore; trasformata in barrette ricoperte di cioccolato fondente
Questa è la mia nuova interpretazione della torta di miele e frutta secca in occasione dell'appuntamento mensile delle cuochine.




Si è proprio la mia ricetta la protagonista del mese di dicembre da interpretare per Quanti modo di fare e rifare.








La cosa mi riempie di orgoglio e non vedo l'ora di vedere cosa hanno combinato le mie compagne di pasticci.
Ancora un ringraziamento alle cuochine  Anna, Ornella e Anna.

Eccole qua le barrette da gustare insieme ai vostri cari in questo periodo di feste


Ingredienti per uno stampo rettangolare usa e getta per 6 porzioni ( quello che si usa per le lasagne)

  • 188 g di mandorle non pelate
  • 150 g di noci sgusciate
  • 75 g di arancia candita
  • 75 g di cedro candito
  • 375 g di miele millefiori
  • 300 g di zucchero semolato
  • la buccia e il succo di un limone
  • 2 cucchiai di liquore all'arancia
  • 3 chiodi di garofano
  • 1 secca di cannella
  • 375 g di farina 00
  • 12 g di lievito chimico
Per la copertura ( vi do' la quantità per ricoprire circa metà torta)

  • 250 g di cioccolato fondente all'87%
Preparazione
in un mixer frulliamo le mandorle e le noci sino ad ottenere una granella piuttosto grossolana, unire i canditi ridotti a cubetti piccoli, lo zucchero, ( meno un cucchiaio) la buccia e il succo di limone. mescolate bene.
Lo zucchero lasciato da parte vi servirà per frullare i chiodi di garofano e la cannella, una volta ridotti in polvere uniteli al resto degli ingredienti.
In una pentola riscaldiamo il miele sino al bollore e così caldissimo lo versiamo sul composto preparato in precedenza, e mescoliamo.
A questo punto possiamo unire la farina e il lievito setacciati.
Rivestiamo con un foglio di carta forno la teglia e versiamo il composto, livellate bene.
Cottura
forno pre riscaldato a 160° per 25 minuti circa.
Lasciate raffreddare un po'la torta, quando vedete che si è leggermente indurita togliete la carta forno, mi raccomando altrimenti se aspettate troppo sarà più complicato eliminarla.
Una volta ben fredda la potete tagliare come più vi piace, io ho scelto di fare delle piccole barrette che in parte ho ricoperto con il cioccolato fondente e in parte con zucchero a velo.

Per la copertura basta sciogliere il cioccolato al microonde, ne sciogliete un 2/3 facendo attenzione a non bruciarlo e poi unite il resto fuori dal forno in modo da portarlo alla temperatura di 30°.
Naturalmente questo è un metodo casalingo che ci permette di ottenere un buon risultato.
Ponete le barrette su di una griglia e colatevi sopra il cioccolato, lasciate raffreddare.
Se volete potete decorare prima che il cioccolato si raffreddi con qualche pezzettino di frutta secca, canditi o oro alimentare.

Buon Natale a tutti





martedì 9 dicembre 2014

Girolio Parma un tour di eccellenze in compagnia dei soci Aifb

Se dico Parma cosa vi viene in mente?
Questa città solo a nominarla ti stimola la salivazione....Parmigiano reggiano, Prosciutto di Parma, questi i più noti, ma nella campagna parmense si nasconde un tesoro di prodotti e  produttori del buon mangiare e così grazie al blog tour organizzato dall' AIFB e dalla Camera di commercio di Parma, la sotto scritta insieme a 9 amiche appassionate di cucina, ha avuto la possibilità di conoscere alcune eccellenze di questa terra: il salame felino, il prosciutto di Parma. il parmigiano reggiano i vini dell'azienda Cunial e poi si sono aperte le porte dell' Alma  scuola internazionale di cucina italiana

Vorrei farvi partecipi delle bellissime esperienze  che ho vissuto in questi due frenetici giorni ma a volte le parole non sempre riescono ad esprimere tutto o almeno questo capita a me che non sono proprio una scrittrice provetta e quindi vi presenterò a modo mio questo splendido viaggio.

L'atmosfera che si è creata già ancor prima di partire è stata troppo bella, come bimbettee che partono per la gita abbiamo subito iniziato a contattarci, ognuna proveniente da parti diverse d'Italia chi con il treno, chi in macchina chi come me oserei dire con la diligenza....un treno dietro l'altro con ritardi, corse affannose per le coincidenze....pazienza l'importante è essere arrivate a destinazione.
Ma iniziamo...e che inizio appena arrivate ci portano alla scuola di cucina Alma,
guardate che facce estasiate tutte a guardare la splendida Reggia di Colorno









e poi entri e ti si apre un mondo.....altro che "angolo" dedicato alla cucina....qui tutta la biblioteca è cucina, un sogno!






La serata continua nel cuore della scuola, abbiamo avuto al possibilità di provare direttamente cosa significa lavorare in una brigata, avere un compito da svolgere e da portare a termine, una bellissima esperienza un menù all'insegna dell'eleganza e della vera cucina italiana ispirandosi al maestro
Gualtiero Marchesi  che è il rettore di questa splendida realtà.


Lo chef  Broglia ci ha diviso in gruppi e coordinate dai sous-chef  io e Federica Bertuzzi abbiamo affrontato la faraona cotta nella creta.




Le splendide foto sono di Cinzia Martellini Cortella che ringrazio di cuore per avermi dato così la possibilità di conservare un bellissimo ricordo della serata.







E dopo una serata speciale, al mattino sveglia presto, e via al caseificio per assistere alla nascita del mitico e unico Parmigiano-Reggiano, accompagnate da un efficiente e scrupoloso Igino Morini che  ci ha illustrato il processo di lavorazione e incuriosito con un interessante degustazione guidata.




Vi mostro il video, mi scuso per l'inquadratura, ma secondo me questa è una vera lezione su come gustare e godere appieno di un prodotto italiano che tutto il mondo ci invidia.
E poi ascoltate bene perché le blogger non solo mangiano...





Dal Parmigiano al salumificio San Paolo,  qui si aprono le porte di un  caveau dal profumo inebriante, i tesori appesi sono il Salame felino  igp e il Prosciutto crudo.






Ma non finisce qui, arriviamo all'azienda bio  Vigna Cunial di Gianmaria e Chiara, come si suol dire chiudiamo in bellezza, coccolate ,praticamente  come  a casa, tanto che a malincuore siamo ripartite ognuna per la propria destinazione.








Una tavola meravigliosa e ricca quella di Chiara alla quale abbiamo anche chiesto le ricette di tutte le sue preparazioni e lei in un batter d'occhio ce le ha regalate,



 a proposito, la mostarda di mele è in produzione.

Termino qui il mio racconto con un ringraziamento all'associazione AIFB, ho trascorso due giorni in compagnia di persone con la passione dentro, con la voglia di crescere, e non pensate  solo al giro vita.


Qui trovate i racconti di Ornella e Federica, Mariangela








mercoledì 3 dicembre 2014

Cappellacci di nocciole con ripieno di ricotta, parmigiano e pere cotte al vino rosso

Nocciole, pere e con la frutta di stagione ci siamo; la ricotta nel mio frigo non manca mai; la farina di semola Kronos fantastica appena ricevuta...
ecco pronti i cappellacci.
L'idea di fare questa pasta  con la nocciola l'ho avuta seguendo una ricetta del ristorante Al Sorriso.






Mi piace la pasta ruvida, corposa, che oltre a soddisfare il palato riesce anche a farsi "accarezzare", perché è bellissima la sensazione che hai nel passarla fra le dita.
E devo dire che la semola Kronos del Molino Grassi che ho conosciuto grazie a Valentina Venuti  è veramente ottima, ho ottenuto un risultato eccellente, sia per capacità della pasta di farsi un tutt'uno con la salsa, sia per la tenuta in cottura.




Ingredienti per 4 persone

Per la pasta
  • 150 g di farina di semola di grano duro Kronos
  • 75 g di farina 00
  • 25 g di pasta di nocciole non zuccherata
  • 2 uova intere
  • 1 tuorlo
  • sale 
Per il ripieno
  • 2 pere
  • 1/2 litro di vino rosso
  • 200 g di ricotta vaccina
  • 2 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • sale e pepe
Per la fonduta al parmigiano ricetta di L. Montersino


Alcune nocciole tostate per decorare il piatto.



Preparazione

Per la pasta
uniamo alla semola la pasta di nocciole, le uova e un pizzico di sale, lavoriamo sino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo, coprire con pellicola e lasciamo riposare in frigo per  almeno 30 minuti.

Per il ripieno
togliere la buccia alle pere e cuocerle, intere,nel vino rosso sino a che non diventano morbide e lasciarle raffreddare; conservate il liquido di cottura che andremo poi a ridurre e ci servirà per la decorazione del piatto.
Setacciare la ricotta, unire le pere tagliate a cubetti, (lasciarne da parte alcuni per la decorazione) il parmigiano e aggiustare di sale e pepe.

Ora non ci resta che fare i cappellacci,
stendiamo la sfoglia ad uno spessore non sottilissimo, ma poi comunque dipende dai gusti, io ho steso con la sfogliatrice sino alla penultima tacca, con un coppa pasta del diametro di 8 cm ho ritagliato dei cerchi e su ognuno distribuito un cucchiaino di ripieno, inumidire con poca acqua i bordi del cerchio e chiudere bene i cappellacci in modo da far uscire  l'aria.
Io per comodità li ho surgelati e poi al momento di usarli li ho gettati direttamente in acqua bollente salata.

Per la salsa, da fare all'ultimo minuto,
riscaldare la panna con il parmigiano quando è arrivato a bollore tolgo dal fuoco e unisco il tuorlo mescolando bene.

Cottura dei cappellacci
in acqua bollente salata per 5-6 minuti

Prepariamo il piatto
sul fondo mettiamo la fonduta al parmigiano, vi adagiamo sopra i cappellacci ben scolati, un filo di liquido di cottura ridotto delle pere, nocciole tritate grossolanamente e qualche cubetto di pera.





Con questa ricetta partecipo al contest Blogger Love Qb  del Molino Grassi







Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...